L’ex Hippodrome

Questa volta usciamo da Trieste, andiamo a Monfalcone, in provincia di Gorizia, una puntata del blog particolare, perché è di pochi giorni fa la notizia che l’ex discoteca Hippodrome, in passato punto di riferimento per migliaia di giovani di tutta la regione, verrà demolita entro la fine dell’anno.

2gX3LW4Cwind3Y6e4ByYdTR36Zc-5Z9joUX3yx8rqMc
Le nostre foto sono state scattate alcuni mesi fa, ma ecco che in questo momento vale la pena mostrarle. Non si tratta di un sito abbandonato a Trieste, come gli altri che stiamo mappando, ma sicuramente è un luogo caro a molti triestini, che qui hanno ballato, si sono divertiti insieme ad amici, compagni di scuola e coetanei, hanno assistito a concerti e altri eventi promossi per anni con successo. Qui sono nati amori, amicizie, qui arrivavano gruppi numerosi di ragazzini con il treno ogni domenica pomeriggio, da Trieste, per rientrare alla sera, tutti insieme, e molti conservano ancora tanti ricordi, delle canzoni dell’epoca, di come si ballava e dell’abbigliamento che si usava. Inevitabili ricordi di momenti felici da adolescenti.
Cosa resta di quel luogo, simbolo di spensieratezza? Un rudere.

Ma facciamo un passo indietro. L’ex discoteca Hippodrome, nata negli anni ’80 come Valentinis, versa ormai da anni in uno stato di forte degrado. Chiusa nel 2000 è stata più volte danneggiata, utilizzata come rifugio per senzatetto e meta di incursioni ripetute.
Nel 2010 si parla di una prima possibile demolizione, a causa dello stato in cui già si trova l’edificio, che comincia a subire atti vandalici senza controllo. Dentro finisce un po’ di tutto, materassi, carrelli della spesa, borse di immondizie, mentre qualche baluardo della vecchia discoteca ancora fa capolino, come i vecchi banconi delle sale, i divanetti e i tavoli o qualche arredo sui muri, dimenticato al momento della chiusura. I danni e le intemperie continuano inesorabili, mentre non sembra possibile un nuovo utilizzo, il soffitto comincia a cedere, escono fili, tubature, un giaciglio di fortuna prende fuoco. I bagni vengono divelti, i divani portati via, tutto viene distrutto.

5f2fe79TzUIHjRuOF_Ro4JGcVXgeqr_mLKoEuSozf_8
Nel 2012 si corre ai ripari murando alcune finestre, chiudendo gli ingressi, transennando dove possibile le vie di accesso, ma serve a poco. Gli ostacoli vengono rimossi, nuovi vandali tornano all’interno, anche se ormai non resta nulla. Cosa rubare o rovinare tra macerie e immondizie? Alcune sale diventano rifugio improvvisato per disperati senza fissa dimora, che vagano tra le stanze spettrali. Nel 2013 il Comune di Monfalcone sollecita nuovamente la proprietà, chiedendo la messa in sicurezza dell’area.

vaSmVZt8MUVBE-5bBQdOPzmUO_bqUWvolE5OSI8uQeE

Ad aprile di quest’anno ancora segnalazioni in seguito a vandalismi e persone che occupano abusivamente la struttura. Le foto su vari siti web si moltiplicano negli anni, tanti vogliono immortalare, con tristezza e amarezza, come è diventato l’amato Hippodrome.
Qualche giorno fa la svolta. Il Piccolo riporta la notizia che entro la fine dell’anno la struttura verrà demolita. Il lungo capitolo sembra chiudersi. La distruzione della discoteca segnerà l’addio definitivo al vecchio tempio del divertimento, divenuto poi, ahimè, tempio dello sfacelo.

Aggiornamento: struttura demolita.

2gX3LW4Cwind3Y6e4ByYdTR36Zc-5Z9joUX3yx8rqMc 11872756_10207438104176641_29441944_n

Seguiteci su Facebook: pagina triesteabbandonata

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=-D5oD_9SDYc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...