L’ex teatro Filodrammatico – Trieste

L’ex teatro in via degli Artisti rappresenta un pezzo di storia di Trieste. Meglio noto come Filodrammatico, è ormai ridotto a un rudere. E’ stato attaccato dalle fiamme nel 2006 e nel 2008, mentre nel 2012 sono crollate le ultime travi del tetto che ancora avevano resistito a incendi e intemperie. Inaugurato nel 1829, sul suo palcoscenico recitò anche Eleonora Duse. Nel tempo ospitò moltissimi artisti, a cominciare da Angelo Cecchelin, mentre negli ultimi anni di attività divenne un cinema a luci rosse. L’inaugurazione ufficiale è datata 22 giugno 1829. Anni dopo prese il nome di Teatro Costituzionale, poi di nuovo Filodrammatico, per diventare Teatro Modena e infine Cinema al Corso. La prima rappresentazione cinematografica triestina si tenne proprio al Filodrammatico, il 16 maggio del 1906.
L’ex teatro, sala da ballo e cinema è abbandonato da oltre 30 anni.

L’unica traccia dell’ originale funzione dell’edificio si trova sulla porta al civico 5 di via degli Artisti, che riporta la scritta “Teatro Filodramatico”. Sotto ecco una saracinesca arrugginita e semi crollata, dietro calcinacci, vecchie assi di legno e altri rifiuti. Guardandolo nella sua complessità l’edificio sembra un vecchio condominio dimenticato più che un glorioso teatro, ormai puntellato in più parti da anni, per evitare nuovi crolli e con pareti che sembra stiano per sbriciolarsi da un momento all’altro.

Percorrendo il perimetro si sale ed è da qui che, sbirciando oltre il muro di cinta, si scorge ancora qualche parvenza della sala principale, impossibile invece identificare il palco. Più avanti si notano alcuni portoni di ferro battuto, chiusi, sigillati, forse un tempo conducevano nei posti a sedere più in alto, ora probabilmente si affacciano sul vuoto. Sorprende che una struttura così centrale non si sia potuta recuperare o per lo meno salvaguardare nel corso del tempo. Tra le tante persone che quotidianamente transitano nella zona chissà quante conosco la storia di questa palazzina. Sicuramente per molti ragazzi che passano o per turisti diretti a San Giusto o ad ammirare dall’alto il Teatro Romano, quell’edificio non è altro che un rudere malconcio.

Negli anni si sono ripetuti annunci su progetti di ristrutturazione, per trasformarlo in un parcheggio o in abitazioni. L’ultimo in tempi recenti, speriamo siamo la volta buona.
Per il momento l’ex teatro è ancora lì, simbolo del divertimento e degli spettacoli della Trieste che fu.

Seguici anche su Facebook: Triestabbandonata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...