Ex mulino Variola – Cervignano

L’ex mulino Variola, a Cervignano, originariamente di proprietà della famiglia Fabris, è stato edificato agli inizi del XX secolo.

Nel 1932 la proprietà passa ufficialmente ai Variola, che decidono di portare a Cervignano il loro secondo centro di molitura. Il complesso è composto da: il silos, il mulino per grano e quello per mais che negli anni ’50 diventa magazzino per farina. Le materie prime arrivano da diverse zone, vengono sistemate nel silos per passare poi alla lavorazione e al prodotto finito che viene spedito in tutto il mondo dal porto di Trieste. Negli anni ’70 lo stabilimento subisce alcuni interventi di ammodernamento e continua a produrre con ottimi ritmi, fino al 1990, quando viene dato in affitto ad un’altra società, che lo gestisce per tre anni. Nel 1993 l’attività smette. Da allora viene abbandonato, nonostante progetti di riqualificazione presentati ma mai decollati. L’area è enorme, 27mila metri quadrati.


Secondo una scheda tecnica reperibile in rete, i manufatti del sito sono tre principali più altri minori. I grandi sono il mulino da grano, quello da mais e il silos, figurano poi la villa del direttore, la portineria e la palazzina degli uffici.
Sempre secondo la scheda il mulino era alimentato in passato con l’elettricità in parte acquistata e in parte prodotta grazie all’energia idraulica.


Nel 1959 a Cervignano venivano realizzate farine speciali ad alto tenore di glutine; farine per pane e per biscotti; crusche; cruschelli e farinacci per alimentazione bestiame. Negli anni ’60 erano impiegati circa 50 operai, il mulino lavorava a ciclo continuo e produceva giornalmente 124 tonnellate di prodotti. Dopo la Seconda Guerra Mondiale i Variola costruiscono a Trieste un terzo mulino diventando così i veri leader del settore in Fvg.
Il lento declino e il degrado arrivano poco alla volta, a causa di una generale mancanza di manutenzione e controllo del sito, dopo la chiusura dell’attività.


Agli inizi del 2000 un incendio distrugge la copertura a falde, sorretta da una struttura in legno, e i solai del corpo posto lungo la roggia e addossato a Nord-Est del mulino da grano, comunicante con i locali della centrale idroelettrica.
A giugno 2008 Il Piccolo parla di una nuova vita per l’ex mulino con un progetto che potrà prevedere una sorta di mini paese al posto della realtà produttiva, la possibilità di realizzare interventi residenziali, per servizi e attrezzature sociali e di artigianato e ancora strutture ricettive e pubblici esercizi, uffici pubblici e privati, attrezzature collettive, come palestre e centro benessere, attività commerciali. Nel rispetto di alcuni vincoli esistenti. Si ipotizzano anche aree verdi, parcheggi e piste ciclabili.


Il giugno del 2012 scoppia un principio di incendio, solo il tempestivo intervento dei pompieri limita le fiamme e di nuovo si parla dell’esigenza di recuperare il sito. Esiste un progetto, viene ricordato, di un privato, in accordo con il Comune, ma bloccato da intoppi burocratici.
A dicembre del 2013 ne parla il Messaggero Veneto dopo aver ricevuto una mail dei residenti che lamentano lo stato di degrado in cui versa la zona e anche il canale adiacente. Chiedono a gran voce un intervento immediato di pulizia e messa in sicurezza.


Nel marzo del 2015 tornano a farsi sentire i cittadini che segnalano danneggiamenti nella zona, da parte di chi occupa abusivamente l’ex mulino. La gente chiede vengano murati gli ingressi o che si preveda un sistema di protezione per evitare i bivacchi e il via vai indisturbato di persone, soprattutto nelle ore notturne.
A marzo 2016 il Messaggero Veneto raccoglie nuovamente le proteste degli abitanti della zona, che segnalano bivacchi notturni all’interno della struttura, atti vandalici e soprattutto un’invasione di ratti, portata anche all’attenzione del Comune.
Per il momento tutto è sempre in uno stato di abbandono e degrado.

Tante altre foto e video sulla pagina Facebook : Triesteabbandonata in tour